News

Notizie e aggiornamenti sul mondo immobiliare

Condono catastale: come ottenerlo , in arrivo 800 mila avvisi bonari: gli sconti per chi regolarizza .

Ancora poco tempo per aderire al condono catastale, che consente di regolarizzare fabbricati rurali ancora non dichiarati al Catasto edilizio urbano beneficiando del ravvedimento operoso e di una riduzione delle sanzioni fino ad ⅙ del minimo (da un importo compreso tra i 1.032 euro e gli 8.264 euro ad un importo di  172 euro).

=> Condono Edilizio 2017: novità e informazioni

Per aderire al condono catastale bisogna rispondere all’avviso bonario  che l’Agenzia delle Entrate sta inviando (in arrivo ve ne sono 800 mila) relativamente ai fabbricati fantasma ancora non dichiarati e mai tassati. Gli avvisi sono destinati a tutti i proprietari di fabbricati che, in base ad un minuzioso lavoro di sovrapposizione tra la cartografia catastale e le foto aeree ad alta definizione messe a disposizione dall’AGEA (Agenzia per le erogazioni in agricoltura), non risultano presenti nel Catasto edilizio urbano.

Per beneficiare del ravvedimento operoso e della riduzione delle sanzioni fino ad 1/6 del minimo sarà necessario presentare l’atto di aggiornamento cartografico (Pregeo) e la dichiarazione di aggiornamento del catasto fabbricati (Docfa), predisposti da un professionista tecnico abilitato. Senza questa documentazione non sarà possibile accedere al ravvedimento operoso e verranno applicate le sanzioni previste dalla legge e all’accertamento in sostituzione del soggetto inadempiente, con oneri a suo carico.

Eventuali inesattezze presenti nell’avviso bonario possono essere comunicate all’Agenzia delle Entrate:

  • compilando l’apposito “modello di segnalazione” allegato all’avviso;
  • utilizzando il servizio online disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Per ulteriori informazioni sui fabbricati rurali consultare il sito dell’Agenzia delle Entrate nella sezione:

“Cosa devi fare > Aggiornare dati catastali e ipotecari > Fabbricati rurali”.

Fonte: Agenzia delle Entrate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *